Chiesa e chiesette di Colloredo, Laibacco e Lauzzana  

Chiesa dei SS. Andrea e Mattia a Colloredo

Strettamente collegata alla famiglia Mels-Colloredo, la prima chiesa dei SS. Andrea e Mattia fu eretta fuori dal fossato del castello nel secolo XIV. Divenuta inadeguata per le esigenze del casato, nel 1626 fu dato incarico a Ciro di Pers di progettare, sullo stesso sito, un edificio più grande. Nel 1700 furono realizzati in stile barocco l'altare maggiore e i due altari laterali; l'interno fu arricchito di un monumento funebre, di alcune opere pittoriche e di preziosi arredi fissi e mobili. Nel 1759 fu eretto il campanile. La chiesa conserva alcune opere pittoriche, come il lunettone con l'Annunciazione dipinta da Gaspare Diziani e la pala con la Madonna del Rosario e Santi di Giulio Quaglio. Di grande pregio è anche un crocefisso ligneo del 1400. E' stata restaurata dopo gli eventi sismici del 1976.

Chiesetta di San Pietro a Colloredo

La sua fondazione risale al XIII secolo. Lo schema strutturale della chiesa, costituita da un unico volume, con limitate dimensioni di pianta, rivela il semplice linguaggio architettonico in uso nel XIII sec.: unici arredi dovevano essere inizialmente la mensa per le celebrazioni e le croci di consacrazione, formanti il più antico strato decorativo.

Alla fine del XIV sec. o dall’inizio del 1400, le pareti dell’abside furono arricchite con il ciclo pittorico raffigurante S.Pietro, la Madonna e la Crocifissione.

Nel secolo XVI si realizzò un terzo ciclo pittorico sempre su S.Pietro e nel XVIII si costruì un altare in pietra con una pala ora tolta per lasciare spazio ai più prestigiosi affreschi.
Il sisma del 1076 colpì in modo evidente l’edificio che apparve compromesso nelle sue strutture.
Nel 1948 fu iniziato il restauro, che venne completato nel 1988 a cura della Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici del Friuli Venezia Giulia.

Chiesetta di Sant'Antonio da Padova a Laibacco 

L'edificio originario risale alla fine del XVI secolo e diversi erano stati gli interventi di restauro ed ampliamento, succedutisi nel tempo. E' stata dedicata a Sant'Antonio da Padova dai primi anni del 1800. E' stata completamente ricostruita dopo il 1976 dalla sezione A.N.A. di Colloredo di Monte Albano.

Chiesa di San Lorenzo e San Biagio a Lauzzana 

L'attuale chiesa parrocchiale di Lauzzana è stata iniziata nel 1988 e consacrata nel 1995; del precedente edificio sacro, lesionato in manier irreparabile dal terremoto, rimane soltanto il campanile. Interessanti arredi sacri sono conservati nella nuova  chiesa parrocchiale: in particolare la tela di San Lorenzo del 1694, un tabernacolo del 1717, un mobile da sacrestia del 1764 e un lavabo del 1771.    

Chiesetta di San Rocco a Lauzzana

Fondata nel 1516, probabilmente per un voto della Comunità liberata dalla peste, come annotato il 15 agosto dello stesso anno alla consacrazione "Sanctus Rochus confessor respicitur propter morbum epidimie". Restauri furono eseguiti nella seconda dedade del 1600 e nel 1633 un ignoto pittore udinese dipinse la pala dell'altare con i santi Rocco e Sebastiano. Il 26 giugno 1749 un fulmine fece crollare il campanile a vela. Nel 1804 venne rifatto il tetto e verso la metà del XIX secolo ricostruito l'altare a muro.