Il Castello di Colloredo di Monte Albano

Una pergamena del 1258 dà notizia di Colloredo come feudo dei visconti di Mels, vassalli della casa del Tirolo sin dall'inizio del secolo XI. Nel 1302 il patriarca di Aquileia Ottobono de' Razzi dava facoltà al barone Guglielmo di Waldsee, visconte di Mels, cavaliere di antica stirpe sveva, di costruire un nuovo castello su un colle di proprietà nei pressi dell'avito maniero di Mels. Il castello fu portato a termine, dopo la morte di Guglielmo, dai suoi figli che per primi assunsero il cognome di Colloredo-Mels; esso costituì fin dai primi tempi un esempio tipico di castello "residenziale" costruito per necessità difensive al centro del feudo quale stabile e sicura dimora. Vale la pena di accennare alle lotte dei Colloredo contro i Patriarchi, i conti di Gorizia, i Camineri, i Savorgnan, i Torriani. Nel 1409, per intervento di pace dei conti Prodolone, fu sventato un assalto da parte di Gemonesi e Tolmezzini. Nel 1420 il complesso cadde nelle mani dei Veneziani; nel 1511 subì il saccheggio nel giovedì grasso e ancora maggiori distruzioni con il terremoto dello stesso anno, che sconvolse tutto il Friuli. Cessate le lotte feudali che caratterizzano tutto il corso del XVI secolo, i proprietari si dedicarono a riordinare e abbellire l'ormai vetusta dimora. Furono allora soverchiate in gran parte le elevazioni medievali per lasciare posto alle fastose eleganze del Rinascimento. Risalgono a quest'epoca le decorazioni di Giovanni da Udine per il famoso studiolo del castello, che costituisce senza dubbio uno dei più significativi momenti artistico-decorativi del pittore. Gli affreschi erano rappresentativi della tecnica della grottesca, con parti in pittura e altre in stucco, con figure zoo-antropomorfe e una fitta decorazione con numerosi minuti particolari. Sempre più ingrandito attraverso i secoli, il castello subì una lenta sostituzione delle caratteristiche difensive con quelle più propriamente residenziali. Gli ultimi rifacimenti di un certo rilievo datano alla fine del '700. L'aspetto del maniero, prima del terremoto, era quello di un sontuoso palazzo rinascimentale, parzialmente munito a difesa e provvisto di ingresso cui un tempo si accedeva per ponte levatoio. Il castello era costituito da un nucleo centrale, tre torri e due ali. Una triplice cinta di mura è ancora visibile. Oggi, in fase di ricostruzione.